24 Febbraio 2021

La fine di un percorso visto dalle educatrici del progetto "Con le famiglie"

Negli ultimi mesi con alcune famiglie si è concluso il percorso con il progetto socio-educativo "Con le famiglie". Tra le persone che abbiamo salutato c’è Marianna, che vi abbiamo fatto conoscere attraverso le sue parole

Quando si incontra una famiglia e si compie un pezzo di strada insieme salutarsi è difficile e necessario. E lo è tanto di più quanto meglio si è lavorato insieme. Ce lo hanno raccontato Annachiara e Cecilia, le educatrici che sono più a stretto contatto con queste famiglie.

“Un viaggio in compagnia è fatto di tanti momenti. Prima di incamminarsi ci si prepara studiando l’itinerario e organizzando al meglio i bagagli con la formazione, gli incontri in équipe, le supervisioni che periodicamente facciamo con il dottor Luca Migliaccio del Centro Brazelton, lasciando sempre lo spazio per sorprese e imprevisti. 

La partenza è sempre molto entusiasmante, tutto è nuovo, il tempo è dalla nostra parte e la relazione con i compagni di viaggio si intensifica passo dopo passo, sia quando si cammina in pianura, sia su sentieri ripidi e scoscesi. Durante il tragitto si tende a perdere la cognizione del tempo, si è catapultati in una situazione altra rispetto alla quotidianità, ma arriva sempre il momento in cui ci si accorge di essere quasi giunti alla meta. 

E come educatori sappiamo che il tempo dei saluti è importante come la partenza, bisogna averne cura, far sì che ciascuno prenda la propria strada con rinnovata fiducia: a volte è fondamentale fermarsi a guardare la strada compiuta insieme, altre volte può essere utile rallentare il passo per dare tempo a tutti di trovare il proprio ritmo, altre ancora si è come richiamati dal fascino della meta, dove in fondo volevamo arrivare, tutto con l’unico obiettivo di dare valore a quanto condiviso affinché diventi un nuovo punto di partenza per tutti, per le famiglie e per l’équipe. 

Noi educatrici in questo anno abbiamo cercato di valorizzare la nostra relazione con i genitori, riconoscendoli nei loro bisogni e nei loro punti di forza. Durante il tragitto abbiamo accolto la gioia, la rabbia, la paura o l’insicurezza delle mamme e le abbiamo affiancate nei momenti difficili, sempre nella consapevolezza che la genitorialità è un processo che si costruisce nel tempo ed è fatto da prove, tentativi ed errori. 

In questo anno abbiamo avuto l’opportunità di vedere nascere e crescere i bambini. Qualcuno era ancora dentro la pancia quando ci siamo conosciuti e il giorno del nostro ultimo incontro camminava spedito, senza nemmeno richiedere la mano. È il momento in cui si va, perché di strada insieme ne è stata fatta tanta, prima rotolando, poi gattonando e infine reggendosi a tutto quello che c’era intorno. E allora, ciascuno con il proprio bagaglio, si può giungere alla fine di questo percorso. 

La parola fine nell’accezione più comune rappresenta “il punto ultimo o la limitazione definitiva”, ma significa anche “scopo, obiettivo, risultato a cui tendere”. Ci piace pensare allora che salutarsi non sia un atto conclusivo, quanto un lasciar andare, un gesto di fiducia per il lavoro svolto e per le consapevolezze acquisite. I nostri passi sono gli stessi che hanno permesso ai bambini, conosciuti quando ancora erano dentro la pancia, di staccarsi dalla mano della mamma e di camminare da soli. 

Grazie a tutte le famiglie che hanno percorso un pezzetto di strada con noi. Ci auguriamo di essere state delle buone compagne di viaggio, da parte nostra il bagaglio è ora più ricco e ci sentiamo pronte a ripartire per nuove avventure”. 

Il progetto “Con le famiglie” è nato per garantire a tanti bambini la migliore partenza possibile. Alcune famiglie sono partite, altre stanno ancora camminando con noi, altre ancora inizieranno nei prossimi mesi, grazie al tuo sostegno: dona ora.
 

SCOPRI IL PROGETTO



ALTRE NEWS CHE POTREBBERO INTERESSARTI
01 Dicembre 2022

Questo Natale diventa la buona stella di Silvia

Quando nasce un bambino c’è bisogno di fare spazio. E se il bambino è il secondo bisogna trovare un...

LEGGI LA NEWS
17 Novembre 2022

A Natale la buona stella di Jackline puoi essere tu

Se nasci a Mathare, la baraccopoli più estesa di Nairobi, la capitale del Kenya, la vita non è facil...

LEGGI LA NEWS
08 Novembre 2022

Un regalo per il battesimo di Francesco

Il nostro cuore si colma di gratitudine e felicità ogni volta che qualcuno sceglie di celebrare un m...

LEGGI LA NEWS
04 Novembre 2022

Un convegno per presentare la ricerca della dottoressa Scord...

Si terrà mercoledì 30 novembre 2022 alle 15.30, nell’aula 3 del Dipartimento di Giurisprudenza dell’...

LEGGI LA NEWS
25 Ottobre 2022

A Natale fai gli auguri con i nostri biglietti solidali

Mancano due mesi a Natale e quest’anno puoi scegliere un modo nuovo e speciale per fare i tuoi augur...

LEGGI LA NEWS
18 Ottobre 2022

Un nuovo numero di “Africa’s memories”

Pochi giorni fa è arrivato in Fondazione il nuovo numero di “Africa’s memories”, la rubrica curata d...

LEGGI LA NEWS
13 Ottobre 2022

La solidarietà si tinge d'autunno

Finalmente ci risiamo. Dopo due anni di stop a causa della pandemia torna, domenica 20 novembre 2...

LEGGI LA NEWS
05 Ottobre 2022

Con Federica Ferretti inauguriamo la nuova stagione di "Donn...

Dopo un salto in Kenya da suor Marilena Botta, una chiacchierata intesa e profonda con Francesca Di...

LEGGI LA NEWS
03 Ottobre 2022

Il gruppo dei nostri volontari diventa sempre più grande

Sono diventati 46 i volontari della Fondazione Valter Baldaccini, un gruppo che in questi ultimi ann...

LEGGI LA NEWS

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi tutti gli aggiornamenti su progetti in corso e iniziative

SCOPRI I MODI PER DONARE

ISCRIVITI
ALLA NEWSLETTER

Resta aggiornato su progetti in corso e iniziative

Non mostrare più questa finestra