26 Aprile 2019

Veronica e il corso dedicato agli Inbook

Nei primi anni di vita la lettura ad alta voce da parte di un adulto ha una fondamentale valenza affettiva e, allo stesso tempo, favorisce e stimola la comunicazione ed il linguaggio.

I bambini con difficoltà comunicative hanno più bisogno di questa pratica e gli Inbook, libri tradotti in simboli, servono proprio a questo.

Per rendere la lettura accessibile a tutti è nato il progetto Inbook: i libri che includono, realizzato insieme a Biblioteca dei ragazzi di Foligno  e Kiwanis Club Foligno.

Un progetto che ha visto diverse azioni: il convegno dello scorso novembre, la prima edizione del corso di formazione dedicato a questi libri speciali e la replica del corso, vista la grande richiesta.

Abbiamo chiesto a Veronica, una delle partecipanti del corso, di raccontarci la sua esperienza.

“Il corso di formazione è stata una grande opportunità educativa e di riflessione. Le relatrici del Centro Sovrazonale di Comunicazione Aumentativa Alternativa, Laura Bernasconi e Grazia Zappa, ci hanno spiegato cosa è la CAA, ma soprattutto ci hanno mostrato l’uso degli inbook attraverso video di bambini che li utilizzano insieme ai genitori, ai fratelli e alle sorelle, nelle proprie classi. Racconti tangibili di possibilità e di sviluppo di potenzialità. È stato un momento importante per pensare al libro e alla lettura ad alta voce come vitale strumento educativo. Durante il laboratorio pomeridiano abbiamo concretamente toccato e annusato gli inbook, analizzato i diversi casi in cui sono stati impiegati e i benefici che hanno portato. Abbiamo anche provato a leggerli e per me all’inizio è stato difficilissimo! 

Del corso mi hanno colpito alcune cose. Innanzitutto il concetto di lettura ad alta voce sin dai primi mesi d’età, senza preoccuparsi di ciò che il bambino può dare in cambio. Leggere è come fare un regalo prezioso. È fondamentale mettere al centro il bambino, valorizzarlo e stimarlo. Mi ricorderò che il verbo amare non sopporta l’imperativo, come i verbi leggere e sognare. Il corso inoltre ha offerto indicazioni pratiche sulla scelta degli inbook.

La varietà del pubblico, composto da docenti curriculari, di sostegno, educatori professionali e logopedisti ha arricchito il confronto, con diversi stimoli e punti di vista, con l’obiettivo comune di introdurre gli inbook nelle pratiche formative quotidiane.  

Come ci ha detto la Dott.ssa Bernasconi: “l’utilizzo degli inbook non deve essere un antibiotico di settima generazione ma acqua potabile, una pratica di speciale normalità”. Vorrei che tutti avessero la possibilità di accedere a momenti formativi come questo, al fine di responsabilizzare ogni persona coinvolta nella vita sociale ed educativa del bambino. Avere una disabilità non preclude la comunicazione, ma un contesto povero di stimoli e di opportunità e ricco di pregiudizi sì”.



ALTRE NEWS CHE POTREBBERO INTERESSARTI
22 Settembre 2020

Tra i pensieri di Valter Baldaccini: il valore del lavoro

Continua il nostro viaggio Tra i pensieri di Valter Baldaccini, una rubrica che da qualche mese ci s...

LEGGI LA NEWS
21 Settembre 2020

Un battesimo solidale

Anche un’occasione di festa può trasformarsi in solidarietà e aiuto concreto.  Proprio come è suc...

LEGGI LA NEWS
16 Settembre 2020

Il bilancio 2019: i numeri e progetti realizzati

È online il bilancio il 2019 della Fondazione Valter Baldaccini. Per rendere la lettura più agevo...

LEGGI LA NEWS
11 Settembre 2020

Grazie alla squadra di calcio di Bevagna

Lo scorso marzo, in pieno lockdown, A.C.D. Bevagna, la squadra di calcio dell’incantevole borgo umbr...

LEGGI LA NEWS
09 Settembre 2020

Un anno dall’uscita del libro dedicato a Valter Baldaccini

Era il 9 settembre 2019 quando, durante una bellissima serata al Teatro Thesorieri di Cannara, prese...

LEGGI LA NEWS
02 Settembre 2020

Una candidatura inaspettata

Siamo davvero felici ed orgogliosi di comunicarvi che il libro scritto dal professor Ottaviano Turri...

LEGGI LA NEWS
01 Settembre 2020

Il sorriso della dottoressa Paola

“Mi chiamo Paola Pizzuti, sono medico e lavoro per Fondazione ANT a Perugia. Nonostante le difficolt...

LEGGI LA NEWS
24 Agosto 2020

Cosa facciamo con il tuo 5x1000: la storia di Antonio

Antonio è un giovane papà. Era poco più di un bambino quando ha lasciato gli studi, si è trasferito...

LEGGI LA NEWS
21 Agosto 2020

Nuovi vitelli per rispondere all’impatto del COVID in Kosovo

Non sono mesi facili in Kosovo. Lo scorso 16 luglio il Paese è stato aggiunto dal nostro Ministero n...

LEGGI LA NEWS

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi tutti gli aggiornamenti su progetti in corso e iniziative

SCOPRI I MODI PER DONARE

ISCRIVITI
ALLA NEWSLETTER

Resta aggiornato su progetti in corso e iniziative

Non mostrare più questa finestra