26 Aprile 2019

Veronica e il corso dedicato agli Inbook

Nei primi anni di vita la lettura ad alta voce da parte di un adulto ha una fondamentale valenza affettiva e, allo stesso tempo, favorisce e stimola la comunicazione ed il linguaggio.

I bambini con difficoltà comunicative hanno più bisogno di questa pratica e gli Inbook, libri tradotti in simboli, servono proprio a questo.

Per rendere la lettura accessibile a tutti è nato il progetto Inbook: i libri che includono, realizzato insieme a Biblioteca dei ragazzi di Foligno  e Kiwanis Club Foligno.

Un progetto che ha visto diverse azioni: il convegno dello scorso novembre, la prima edizione del corso di formazione dedicato a questi libri speciali e la replica del corso, vista la grande richiesta.

Abbiamo chiesto a Veronica, una delle partecipanti del corso, di raccontarci la sua esperienza.

“Il corso di formazione è stata una grande opportunità educativa e di riflessione. Le relatrici del Centro Sovrazonale di Comunicazione Aumentativa Alternativa, Laura Bernasconi e Grazia Zappa, ci hanno spiegato cosa è la CAA, ma soprattutto ci hanno mostrato l’uso degli inbook attraverso video di bambini che li utilizzano insieme ai genitori, ai fratelli e alle sorelle, nelle proprie classi. Racconti tangibili di possibilità e di sviluppo di potenzialità. È stato un momento importante per pensare al libro e alla lettura ad alta voce come vitale strumento educativo. Durante il laboratorio pomeridiano abbiamo concretamente toccato e annusato gli inbook, analizzato i diversi casi in cui sono stati impiegati e i benefici che hanno portato. Abbiamo anche provato a leggerli e per me all’inizio è stato difficilissimo! 

Del corso mi hanno colpito alcune cose. Innanzitutto il concetto di lettura ad alta voce sin dai primi mesi d’età, senza preoccuparsi di ciò che il bambino può dare in cambio. Leggere è come fare un regalo prezioso. È fondamentale mettere al centro il bambino, valorizzarlo e stimarlo. Mi ricorderò che il verbo amare non sopporta l’imperativo, come i verbi leggere e sognare. Il corso inoltre ha offerto indicazioni pratiche sulla scelta degli inbook.

La varietà del pubblico, composto da docenti curriculari, di sostegno, educatori professionali e logopedisti ha arricchito il confronto, con diversi stimoli e punti di vista, con l’obiettivo comune di introdurre gli inbook nelle pratiche formative quotidiane.  

Come ci ha detto la Dott.ssa Bernasconi: “l’utilizzo degli inbook non deve essere un antibiotico di settima generazione ma acqua potabile, una pratica di speciale normalità”. Vorrei che tutti avessero la possibilità di accedere a momenti formativi come questo, al fine di responsabilizzare ogni persona coinvolta nella vita sociale ed educativa del bambino. Avere una disabilità non preclude la comunicazione, ma un contesto povero di stimoli e di opportunità e ricco di pregiudizi sì”.



ALTRE NEWS CHE POTREBBERO INTERESSARTI
27 Gennaio 2022

Aggiornamenti dal progetto in Kosovo

Il progetto socio-educativo iniziato qualche mese fa in Kosovo ha un chiaro obiettivo: migliorare, a...

LEGGI LA NEWS
21 Gennaio 2022

La Fondazione sostiene una ricerca che studia gli effetti de...

Quali sono gli effetti e le problematiche che già tocchiamo con mano e quali saranno le conseguenze...

LEGGI LA NEWS
17 Gennaio 2022

Istituito “Cuore d’oro”, il premio della Fondazione Valter B...

Ci sono tante persone che camminano al nostro fianco ogni giorno. Sono persone che hanno conosciuto...

LEGGI LA NEWS
14 Gennaio 2022

La storia di Giulio, un bimbo seguito dalle educatrici a Tor...

Giulio ha 3 anni e vive a Tor Bella Monaca, uno dei quartieri più difficili di Roma, con la mamma e...

LEGGI LA NEWS
20 Dicembre 2021

A Natale dona un lavoro a Sheryl

Una gravidanza segnata dall’abbandono e un presente di difficoltà economiche. Questa è la storia di...

LEGGI LA NEWS
18 Dicembre 2021

Il nuovo numero del periodico “Dalle radici” è online

Il nuovo numero di “Dalle Radici”, il periodico della Fondazione Valter Baldaccini, è online ed è pr...

LEGGI LA NEWS
16 Dicembre 2021

Dona futuro a Carola e al piccolo Adam

Carola è rimasta incinta poco più che maggiorenne. Quando l’ha scoperto era spaventata e disorientat...

LEGGI LA NEWS
06 Dicembre 2021

Il nuovo programma radiofonico della Fondazione: Donne d’imp...

Abbiamo scelto di chiamarlo “Donne d’impatto, storie di donne che cambiano il mondo” ed è il program...

LEGGI LA NEWS
03 Dicembre 2021

Riconoscimento "Grande amico ANT" al Premio Eubiosia 2021

Siamo onorarti di comunicarvi che anche quest’anno la Fondazione Valter Baldaccini si è aggiudicata...

LEGGI LA NEWS

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi tutti gli aggiornamenti su progetti in corso e iniziative

SCOPRI I MODI PER DONARE

ISCRIVITI
ALLA NEWSLETTER

Resta aggiornato su progetti in corso e iniziative

Non mostrare più questa finestra