11 Gennaio 2024

Un incontro con Joab Omoto sui progetti socio-educativi in Kenya

Dopo un anno e mezzo dal nostro ultimo incontro è stato molto emozionante rincontrare Joab Omoto, il nostro referente in Kenya per il sostegno a distanza e per il progetto dedicato alla formazione delle mamme minorenni di Mathare

Il tempo che abbiamo trascorso insieme è stata un’importante occasione di confronto e scambio aperta a tutti i donatori che rendono possibili questi progetti. 

Joab ha ricordato che il progetto socio-educativo di sostegno a distanza è nato nel 2006, quando Valter Baldaccini, durante uno dei suoi viaggi in Kenya, rimase colpito dai tanti bambini e bambine che trascorrevano tutta la giornata per strada. Si avvicinò a una delle mamme e le chiese perché i suoi figli non fossero a scuola e lei gli rispose che non aveva i soldi per mandarceli. Da lì Valter Baldaccini, consapevole che l’educazione è l’unica strada possibile per cambiare vita di chi si trova più in difficoltà, diede il via al progetto che in questi anni ha già permesso a oltre 100 bambini e bambine di formarsi. 

Nel 2024 saranno 36 i ragazzi le ragazze che frequenteranno la scuola grazie ai donatori della Fondazione Valter Baldaccini. Le donazioni permettono di pagare le rette scolastiche, le uniformi, i libri di testo e il cibo di questi studenti e studentesse.

Joab ci ha raccontato che in questo momento la baraccopoli di Mathare si sta trasformando. I ricchi di Nairobi stanno acquistando molti dei terreni occupati dagli abitanti dello slum e la conseguenza più tangibile è che adesso in meno spazio disponibile sono concentrate più persone: Mathare è sovraffollata

Di fronte a questa situazione, Joab e i suoi collaboratori stanno incoraggiando coloro che ne hanno la possibilità a lasciare la baraccopoli. Suggeriscono di trasferirsi nei villaggi della campagna, dove il costo della vita è inferiore, le opportunità di lavoro sono maggiori, dove vi è l’accesso all’acqua e dove non si riscontrano problemi di insicurezza, criminalità, dipendenze e prostituzione.

Per molti dei bambini e delle bambine coinvolti nel progetto rimanere nello slum non è sicuro e questo influisce negativamente sia sul loro apprendimento che sul rendimento scolastico. La strada migliore per loro è andare a vivere nei villaggi limitrofi oppure entrare in un collegio, dove trascorrono l’intero anno scolastico. 

In questo complesso scenario, si inserisce anche il gruppo di giovani mamme del progetto che quest’anno festeggerà il suo quarto anniversario. Le mamme di Mathare sono ragazze poco più che adolescenti che  sono diventate madri a seguito di situazioni difficili, come la costrizione alla prostituzione, esperienze di violenza o inganni legati a false promesse matrimoniali. Il progetto mira a offrire loro una nuova prospettiva di vita attraverso formazione e sostegno. Per un anno, tre volte la settimana, quindici ragazze si ritrovano e ricevono un aiuto psicologico, la spesa e frequentano un laboratorio di artigianato per produrre manufatti locali.

Molte volte la strada di tutti questi ragazzi e ragazze è impervia. Ci sono fallimenti, ma ci sono anche tante storie belle, come quella di Simon, che uno dei nostri donatori ha accompagnato per tutto il suo tortuoso percorso scolastico. Alla fine della scuola primaria, che in Kenya dura otto anni, Simon ha frequentato un corso per diventare meccanico. Quando ha iniziato a lavorare ha capito che non era la sua strada e si è impegnato per apprendere come riparare l’elettronica delle auto. Oggi, Simon gestisce un piccolo garage dove lavora con due dipendenti e dove trasmette anche ad altri le sue competenze nel mestiere.

Sembra solo una piccola goccia, ma grazie all’educazione la vita di questo ragazzo è salva. E cosa c’è di più bello di questo?

 

SCOPRI IL PROGETTO



ULTIME NEWS DELLA FONDAZIONE VEDI TUTTE LE NEWS
28 Febbraio 2024

Il Metodo Brazelton: l'approccio touchpoints seguito per aiu...

Cos’è il metodo Brazelton? Il Metodo Brazelton è un approccio rivoluzionario nel campo della pedi...

LEGGI LA NEWS
23 Febbraio 2024

Una donazione per le persone alluvionate dell’Emilia-Romagna

Era metà maggio del 2023 quando l’esondazione di 23 fiumi travolse e colpì duramente, provocando fra...

LEGGI LA NEWS
20 Febbraio 2024

La testimonianza di mamma Grazia per raccontarvi il progetto...

In queste ultime settimane vi abbiamo raccontato di alcune iniziative di solidarietà, come la Fantas...

LEGGI LA NEWS
15 Febbraio 2024

I collaboratori di UMBRAGROUP donano due borse lavoro

Come era successo nel 2022 durante i festeggiamenti di Natale organizzati da UMBRAGROUP per i propri...

LEGGI LA NEWS
02 Febbraio 2024

La tombolata solidale dell’Industrial Division di UMBRAGROUP

Stare insieme e condividere un momento di spensieratezza e gioia tra colleghi può avere anche un ris...

LEGGI LA NEWS
30 Gennaio 2024

Il pensiero di Valter Baldaccini in una lezione della Scuola...

Lunedì 5 febbraio, alle ore 19.00, nell’ambito del programma della scuola socio-politica Giuseppe To...

LEGGI LA NEWS
19 Gennaio 2024

La Fondazione coinvolta nella seconda edizione del concorso...

Siamo molto felici di annunciarvi che, ripetendo la bellissima esperienza della prima edizione del c...

LEGGI LA NEWS
11 Gennaio 2024

Un incontro con Joab Omoto sui progetti socio-educativi in K...

Dopo un anno e mezzo dal nostro ultimo incontro è stato molto emozionante rincontrare Joab Omoto, il...

LEGGI LA NEWS
22 Dicembre 2023

A Natale fai splendere la vita di Valentina

Valentina, oggi ventitreenne, è arrivata nella Casa di Leskoc all'età di dieci anni, a causa di una...

LEGGI LA NEWS

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi tutti gli aggiornamenti su progetti in corso e iniziative

SCOPRI I MODI PER DONARE

ISCRIVITI
ALLA NEWSLETTER

Resta aggiornato su progetti in corso e iniziative

Non mostrare più questa finestra