26 Luglio 2022

Reportage dal Kosovo: il salto di Ariana e Dardana

La cooperante Francesca Brufani e la fotografa Francesca Boccabella sono state in missione in Kosovo e hanno incontrato per noi Dardana e Ariana, le sorelle destinatarie delle borse studio universitarie sostenute dalla Fondazione Valter Baldaccini. Lasciamo alla loro penna e ai loro scatti il racconto di una giornata trascorsa insieme. 

--

È la notte prima degli esami e Ariana, una spilungona di 1 e 75, si è dipinta le unghie di margherite dopo una passeggiata serale tra i campi di grano di Leskoc, prima di dedicarsi all'ultimo ripasso. Domani tocca alla prova pratica di pallavolo – volejboll, come dicono qui - tra due giorni all’esame di anglisht, inglese. 

"Sei preoccupata?" 

Ariana sorride, nella sua coda di treccine che la fa somigliare alle migliori atlete olimpiche che si possono guardare da vicino solamente in tv.  

"No…" 

Ariana parla italiano "come l'acqua" come si dice in Kosovo quando si padroneggia una lingua, ha vent'anni ed è iscritta alla facoltà di Educazione Fisica a Pristina, in uno degli atenei più prestigiosi del paese, ospite di un convitto assieme alla sorella Dardana, pure lei al primo anno di università. Vent'anni fa, fino a prima della guerra, possedere dei libri in lingua era illegale, si studiava nelle cantine e nei garage, mentre la presenza albanese nelle università era contingentata in favore di quella serba. Oggi, invece, si respira aria di normalità. 

Dardana, alta e ambrata pure lei come la sorella e il cui nome riecheggia quello di un'antica tribù illirica, più che lo sport ama il mondo dell’infanzia; ha studiato Storia per un anno, ma ora si sta preparando per sostenere il test d'ingresso per Scienze dell'Educazione e restituire con professionalità al mondo dei bambini quello che ha ricevuto da quando è stata accolta nella Casa di Leskoc.

Ariana e la sorella ci portano per mano nella loro cameretta fatta di specchietti, foto, mozziconi di lettere e ricordi mollettati ad un filo. Ci sono ancora i pacchi da disfare del convitto dove dormono a Pristina, vicino all'ateneo, da cui sono rientrate per la pausa estiva e per guadagnare il fresco delle colline. “La vita a Pristina è diversa ma le lezioni e lo studio ci prendono molto…”. 

Dardana ha riempito le sue mollette di disegni, Ariana di schizzi che abbozza nel tempo libero, a volte per noia, a volte per qualcuno. Dalle loro finestre si vede il tramonto più bello del Kosovo sulle Bjeshkët e Namuna, le Montagne Maledette, che i miti del posto vogliono popolate dalle zana e maleve, delle donne fatate dai capelli lunghissimi che riporterebbero sulla retta via, si dice, chi smarrisce il cammino. 

"L'università può aprire delle porte che un giovane ancora non può capire a pieno” ci spiega Violeta, una delle operatrici della Casa di Leskoc. Con il suo sguardo e la sua saggezza sembra lei la loro fata dei boschi che indica la rotta, proprio come sulle Bjeshkët e Namuna. “Il problema qui è che i prezzi sono come quelli italiani ma gli stipendi sono molto più bassi e pensare di sognare un futuro e di rimanere, quando l'economia si basa quasi esclusivamente sulle rimesse dall'estero, rimane una sfida. Però la formazione oggi può permettere davvero ai giovani del Kosovo di poter fare il salto..." E Ariana, che di salti ne capisce e li studia nello sport e ha persino battuto a un set i militari della Kfor in un torneo di beneficenza con gli altri ragazzi della Casa, si sta aprendo la strada insieme alla sorella per poter saltare anche nella vita.  

Ariana e Dardana ci accomiatano dalla loro stanza; Ariana senza accorgersene a mo' di saluto indica un quadretto imbalsamato di verde e giallo che campeggia sulla scrivania e che fa da sfondo alle giornate estive di studio: La Speranza non delude, dice. Dopotutto, commenta Violeta, "il Kosovo è donna: in albanese è Kosova, è al femminile". La speranza del paese, sembra dire, passa da qui: da Ariana, da Dardana, dal loro salto e dai loro studi. 

--

Il progetto socio-educativo in Kosovo è possibile solo grazie al sostegno dei nostri donatori. Solo grazie al tuo aiuto Dardana e Ariana potranno proseguire nei loro studi e avere così la concreta possibilità di un futuro migliore. Dona ora



ALTRE NEWS CHE POTREBBERO INTERESSARTI
04 Agosto 2022

Aggiornamenti dalla ricerca e un’intervista alla dott.ssa Sc...

Vi abbiamo raccontato del progetto di ricerca della dott.ssa Francesca Scordamaglia all’inizio di qu...

LEGGI LA NEWS
18 Luglio 2022

Un direttore per "Dalle radici"

Siamo molto felici di annunciare che, a partire da questo numero, il nostro periodico “Dalle radici”...

LEGGI LA NEWS
12 Luglio 2022

La storia di Lulù: “Così la mia vita è rifiorita”

Il suo soprannome è Lulù, come il vezzeggiativo con cui la madre usava chiamarla da bambina. Da allo...

LEGGI LA NEWS
05 Luglio 2022

Che fine hanno fatto le galline di Mutanu?

Era aprile quando vi abbiamo raccontato dell’ambizioso sogno delle donne del progetto umanitario “Mu...

LEGGI LA NEWS
21 Giugno 2022

Una vita nuova per Maria e i suoi figli grazie al tuo 5x1000

Tra i genitori accolti dal progetto socio-educativo “Con le famiglie”  c’è Maria, una mamma piena di...

LEGGI LA NEWS
14 Giugno 2022

Siamo in 360!

Oggi il nostro immenso grazie va alle 360 persone che lo scorso anno hanno scelto di destinarci il p...

LEGGI LA NEWS
08 Giugno 2022

Una nuova iniziativa di solidarietà dall’UMBRACral

Divertimento ma anche attenzione verso chi è più in difficoltà. È con questo spirito che gli amici d...

LEGGI LA NEWS
31 Maggio 2022

Con il tuo 5x1000 dona una nuova vita a Dardana e Ariana

Dardana e Ariana sono le due sorelle che grazie a due borse studio legate al progetto socio-educativ...

LEGGI LA NEWS
25 Maggio 2022

Grazie UMBRACral

Una gara di tiro al piattello e un divertente pranzo tutti insieme sono diventati una bellissima occ...

LEGGI LA NEWS

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi tutti gli aggiornamenti su progetti in corso e iniziative

SCOPRI I MODI PER DONARE

ISCRIVITI
ALLA NEWSLETTER

Resta aggiornato su progetti in corso e iniziative

Non mostrare più questa finestra